Motobloggers.com

La Rete di Blog dei Motociclisti … iscriviti e partecipa anche tu!

Sostituzione pasticche anteriori Zr-7

Non sapevo dell’esistenza di questo blog, se può far piacere posterei anche qui come sul forum tingavertiano, la mia semplice guida alla sostituzione delle pastiglie dei freni. L’ho fatta quasi 2 anni fa, oggi probabilmente farei qualche correzione quà e là ma essendo scritta allora da un completo neofita, direi che si presta alla filosofia work in progress che secondo me anima questo blog, per cui la lascerei aperta a suggerimenti di altri motociclisti anche più esperti.

L’acquisto della moto Zr-7 per me ha coinciso con l’era del fai da te, per cui nel rendermi conto che la moto non frenava granché ho deciso che era venuta l’ora di sostituire le pasticche anteriori con altre più performanti. Ho acquistato per 70 euro le SBS rosse (sinterizzate). Sempre nell’ottica del far da me, ho visto un po’ di video su youtube e avendo realizzato che la cosa non era poi così difficile ho preferito non andare a dare altri soldi al meccanico.

Allora sono andato da una ferramenta ben fornita a prendere i seguenti attrezzi, che ancora non avevo nella mia piccola officina:

1)Chiave Dinamometrica (Serve per serrare i bulloni alla giusta forza, nel manuale d’officina è scritto 34 Newton, quindi ne serve una che arrivi almeno a questo)
2)1 Bussolotto da 12, la misura dei bulloni (per prudenza ne ho preso qualcuno sopra e sotto).
3)Liquido frenafili della loctite (serve per evitare il disserraggio accidentale, capite che può essere importante!)
Come vedrete ho fatto anche alcune foto per aiutarmi/Vi. Soprattutto per non dimenticarmi alcune cose fondamentali nel rimontaggio. E’ una cosa che ho preso l’abitudine di fare.

Cominciamo:

Prima di tutto bisogna togliere la pinza dal disco, svitiamo allora i due bulloni che la tengono ai piedini della forcella (nella foto sono appena svitati, guardate sotto)

 

Delicatamente allontaniamo la pinza dal disco fino a staccarla e la rigiriamo per andare a scoprire dove dovremo lavorare:

Questo è naturalmente quello che succede:

In basso solo la pasticca dalla parte dei pistoncini (quei due cosi tondi sporgenti) è fissata alla spina (perno) quell’altra no e una volta tolta la prima sarà sufficiente sfilarla.

La prossima cosa da fare è sfilare la spina appunto che tiene la pasticca: questa cosa può essere fatta solo dopo aver tolto il filino di protezione con un paio di pinze o con un cacciavite, non deformatelo troppo che poi va rimesso (serve per evitare che la spina si sfili da sola). Guardiamo:

Come vedete niente di complicato, ho fatto leva con un cacciavite sottile e il filo di ferro si è sfilato. (in realtà è stato un attimo più complesso con la pinza dx, ma niente di che =) )

Adesso sfilate la spina e se è dura aiutatevi svitandola un po’. Una delle due pasticche cadrà, l’altra sfilatela manualmente. Non togliete nient’altro.
Ora abbiamo pieno accesso alla “camera”, vi accorgerete che è talmente incrostata che non avrebbe potuto vivere un secondo di più nemmeno con calfort! Detto questo vi armate di pazienza come ho fatto io (che dopo 25000 Km avevo ancora le pasticche originali) e iniziate a pulirla con uno straccetto aiutandovi con un pennello, dopo la pulizia vi armate di compressore se ce l’avete, altrimenti soffiate, e togliete altre tre dita di polvere nera senza respirarla possibilmente.

Ora la cosa più importante. Dobbiamo spingere i due pistoncini indietro rispetto alla sede originale, per far spazio alle due pasticche nuove e per rientrare sul disco. Mentre lo fate il serbatoio del liquido freni non deve essere stato aperto altrimenti schizzerebbe ovunque poiché ritorna in pressione. Come possiamo fare questa operazione? Ci sono vari modi, potete usare le dita (dovreste farcela ed è più affidabile) oppure infilate la prima pasticca (che si incastra comodamente) e fate a leva con un cacciavite, ma io preferisco le mani (alcuni usano una speciale tenaglia…totalmente inutile). Li spingete per bene finché non sporgono se non per qualche mm.
Adesso prendete le due pasticche una contro l’altra e iniziate a sfregarle per prepararle così a un miglior attrito iniziale col disco (non ho ancora capito se funziona, ma fidatevi).
Finalmente montate le due pasticche, non è difficile se prima avete memorizzato come stavano.. ma comunque non è niente di complicato. Naturalmente accertatevi di avere in mano le pasticche destre per la pinza destra e viceversa che ovviamente è basilare, altrimenti vi ingrullireste inutilmente e poi andreste sconsolati dal meccanico.
Infiliamo adesso la spina nel foro della pasticca fino in fondo, e procediamo a reinserire il filino di ferro che la fissa, fatela girare per piegarlo un po’ che è più sicuro.
Se avete spinto bene i pistoncini dovrebbe essere più semplice di prima inserire di nuovo la pinza sul disco. Prendete ora il liquido frenafili, versatelo sulle viti, asciugatele con uno straccetto prima di infilarle nei due fori e avvitatele con la chiave dinamometrica.
Serraggio: attenzione! Sul manuale c’è scritto che i bulloni di fissaggio della pinza (caliper) vanno stretti a 34 N (alcuni su youtube dicono meno) quindi regolate la chiave su questo valore e avvitate finché non scatta, facciamola scattare due volte. Tenete presente che non darebbero un valore se andasse stretta al massimo, useremmo le mani, e le vibrazioni che si creerebbero potrebbero essere dannose.

Fine prima pinza.

Passate seguendo la stessa procedura alla seconda pinza, non toccate per ora il freno davanti. Una volta terminato il lavoro pompate una decina di volte il freno davanti tirando la leva così che ritorni in pressione il liquido (fatelo assolutamente prima di tornare in sella dato che senza pressione non si frena..)
La vostra moto è pronta per il collaudo.. Ricordatevi che le pasticche nuovissime non frenano bene, non fate frenate brusche per i primi Km (una ventina). E piano piano apprezzate la differenza rispetto alle pasticche originali (se avete preso le SBS o le Brembo rosse)!

Ricordatevi di agire in piena coscienza che state manipolando strutture legate alla sicurezza.

Mattia

Category: Manutenzione