Motobloggers.com

La Rete di Blog dei Motociclisti … iscriviti e partecipa anche tu!

Supporto autocostruito per navigatore satellitare

Supporto GPS per la ZR-7Feci questo supporto 8 anni fa e che tutt’oggi è ancora montato sul manubrio della mia ZR-.7.
Fonte: http://www.cozy.it/GPSmount/supportoGPS.htm

Supporto GPS per la Kawasaki ZR-7

 Ho progettato e costruito questo supporto per applicare il GPS alla mia moto, una Kawasaki ZR-7. Esso è studiato per bloccare il GPS Garmin modello Streetpilot III al manubrio, ma facilmente cambiando i diametri e le distanze dei quattro fori esterni può essere  adattato anche su altre moto. Ho inoltre collaudato il tutto sia a sostenute velocità che su strade sconnesse senza avere il minimo problema. Questo mio piccolo progetto non ha fini di lucro o altri scopi ma ha il solo obiettivo di poter essere utilizzato da altri motociclisti che vogliono usufruire di questo utilissimo accessorio ed è solo per codesta ragione che pubblico questa  pagina con foto e disegni. Gli obiettivi che mi ero prefissato erano avere minimo ingombro per ottenere una struttura meno appariscente e invasiva possibile, avere un ancoraggio direttamente sui 4 punti di fissaggio del manubrio evitando così le classiche antiestetiche fascette che stringono la sezione del manubrio, infine ho scelto dei silent-block (gommini antivibranti) più alti in modo tale da avere un maggiore effetto smorzante  sulle vibrazioni provenienti dal motore.
In conclusione i vantaggi nell’autocostruzione sono proprio nell’ottimizzare e personalizzare al massimo le dimensioni e l’ergonomia del supporto dedicato per la propria moto superando in funzionalità ed estetica di gran lunga i costosi supporti costruiti in serie presenti sul mercato. Lo svantaggio invece è che presumibilmente il mio supporto non andrà bene per tutte le moto, problema che invece non hanno i supporti di produzione industriale.

tempo impiegato per realizzare il supporto:  6 ore

costo dei materiali 5 Euro

La base è formata da 5 pezzi saldati TIG. Tre sono visibili nel disegno sovrastante mentre uno dei due pezzi triangolari è possibile vederlo nel disegno sottostante

I quattro fori esterni hanno il diametro di 8,5 mm., mentre tutti i rimanenti fori sono da 4 mm.

Nei quattro fori esterni è avvitato il supporto in plastica originale della Garmin (vedi disegno sottostante)

Lista dei materiali

1 piccola lastra d’acciaio inossidabile 2 mm. spessore

1 piccola lastra di alluminio 3 mm. spessore

4 silent block gommini antivibranti da 1,5 x 1,5 cm. diam. bullone 4 mm.

12 dadi autobloccanti

8 rondelle foro interno da 8,5 mm

4 bulloni a testa piatta da 4 mm dia. per installare il supporto in plastica della Garmin sulla base 2

Installazione dell’antenna amplificata

Incoraggiato dai risultati del precedente lavoro ho desiderato avere le massime prestazioni dal mio GPS comprando dagli USA l’antenna amplificata GA 26C. Per l’installazione però dovevo soddisfare due importanti requisiti .

1) Installare l’antenna in una posizione libera da ostacoli o dal proprio corpo in modo tale da poter ricevere al meglio i segnali satellitari

2) Installare l’antenna senza penalizzare l’estetica della moto

In un primo momento poteva sembrare difficile, dato l’esiguo spazio, installare un’antenna nella giusta posizione senza essere notata, ma invece, osservando bene tutti i componenti, vidi che l’area del coperchio del serbatoio dell’olio idraulico dei freni anteriori era quasi identica a quella della base dell’antenna, Quindi arrivai ad una conclusione, ossia che l’antenna non poteva essere occultata per ovvi motivi di ricezione ma poteva benissimo essere “camuffata” da serbatoio dell’olio dei freni. Così iniziai subito il lavoro aggiungendo sopra al coperchio originale un foglio di gomma ed infine una base in ferro dolce che bloccava l’antenna essendo la sua base calamitata.

Appena finito il lavoro, per l’entusiasmo non persi tempo così volli subito mettere alla prova l’antenna scegliendo volutamente zone ove ogni GPS inevitabilmente perde il segnale. L’antenna superò brillantemente l’esame non perdendo il segnale durante tutto il percorso di un vicolo largo appena 4 metri costeggiato ai lati da edifici di 2, 3 piani. Incredibile ma vero

  Oreste Muccilli          o.muccilli1(chiocciola)tin.it